INVITO AD ESERCITARE IL DIRITTO AL LIBERO VOTO DA PARTE DEL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI FORMAZIONE ANTONINO CAPONNETTO, NANDO DALLA CHIESA

 

QUI L'INTERVISTA SU FANPAGE.

Comunicato in merito alla decisione del M.I.M. di far svolgere le prove preselettive degli aspiranti al concorso a Dirigente Scolastico il prossimo 23 maggio. 

CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI DI OGNI ORDINE E GRADO “PER UNA CULTURA INCOMPATIBILE CON IL SISTEMA MAFIOSO. CAPIRE E RICONOSCERE I SEGNI DELLA PRESENZA DELLA MAFIA NEL TERRITORIO” PROMOSSO DALLA SCUOLA DI FORMAZIONE ANTONINO CAPONNETTO E IL CENTRO PER LA LEGALITÀ DI MILANO

VIII ciclo di Lezioni Antimafia 2024 in collaborazione con Radio Popolare dal 6 marzo 2024 presso la Casa della Memoria in via Confalonieri 14. Per consultare il programma vai alla pagina. I video delle lezioni  sono fruibili sulla pagina dedicata e sui Canali YouTube della Scuola di Formazione A. Caponnetto e Radio Popolare.
Clicca qui sotto.

PAGINA DEI VIDEO DELLE LEZIONI ANTIMAFIA 2024

Elisabetta Baldi, moglie del giudice Antonino Caponnetto, si è spenta a Firenze il 2 luglio scorso a 101 anni.
Dopo la morte del Giudice Caponnetto nel 2002, per anni aveva raccolto il testimone incontrando i giovani nelle scuole per la diffusione cultura della legalità e dell'antimafia.
Il ritratto e il ricordo di Maria Grimaldi.
"MISERIE E NOBILTA’ DI MILANO, le storie della presenza mafiosa e della resistenza civile nella nostra città"  Uno sguardo alle storie della città attraverso ricerche, narrazioni e luoghi significativi.
Un progetto della Scuola di Formazione Antonino Caponnetto.
LA SCUOLA DI FORMAZIONE ANTONINO CAPONNETTO ESPRIME SOLIDARIETÀ E VICINANZA A DON LUIGI CIOTTI DOPO GLI ATTACCHI RIVOLTI ALLA SUA PERSONA DA MATTEO SALVINI.

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Nel ventennale della morte di Antonino Caponnetto (6 dicembre 2002), il ricordo di Nando dalla Chiesa
LORO NESSUNO LI HA VISTI

Che importa, caro Nino, anzi «nonno Nino», come negli ultimi anni ti hanno chiamato con tenerissimo affetto i giovani dei movimenti antimafia; che importa se non c'era nessuno del governo, nel momento del tuo addio al mondo? Che importa se nessuno di loro è venuto a salutarti, ha sentito il dovere di ringraziarti?